Come Pulire lo Spazzolino

L’igiene orale è fondamentale per il benessere dell’individuo, perchè il cibo che rimane tra un dente e l’altro, se non viene eliminato, diviene un ricettacolo di germi. Avete mai pensato allo spazzolino da denti? E’ con questo che effettuiamo la pulizia, quindi è importante che sia pulito. Ora vi dirò come fare.

Lo spazzolino da denti che utilizziamo come strumento per effettuare la nostra igiene orale dovrebbe essere sterilizzato, ma visto che in casa non abbiamo i macchinari necessari per la sterilizzazione e non possiamo utilizzare uno spazzolino al giorno vorrei darvi dei consigli su come pulire lo spazzolino da denti in casa.

Ci sono diversi modi per pulire lo spazzolino, deciderete voi il preferito dopo la lettura di questa guida. Sappiate che lo spazzolino va pulito almeno una volta alla settimana, ma sarebbe meglio farlo tutti i giorni. Un metodo che potrete usare è quello di tenere immerso lo spazzolino in un collutorio alla clorexidina per almeno 30 minuti. Gli altri metodi sono ancora più ‘caserecci’.

Potrete pulire e disinfettare il vostro spazzolino lasciandolo immerso in acqua ossigenata durante la notte. State tranquilli, una volta estratto lo spazzolino e risciacquato con acqua potrete utilizzarlo direttamente senza problema alcuno. Un altro modo è lasciarlo immerso in acqua e bicarbonato. Se non avete voglia di utilizzare prodotti per il vostro spazzolino potrete posizionarlo ogni notte nel congelatore senza alcuna fatica e con eccellenti risultati.

Come Fare Tornare Scuri i Capi Sbiaditi

I capi scuri, soprattutto i Jeans neri, sono molto belli e rispecchiano la moda del momento, tuttavia hanno un particolare svantaggio, quello di sbiadire se non lavati in modo ottimale.

Per lavare capi scuri generalmente basta seguire le indicazioni poste sull’etichetta del capo, e quindi utilizzare detersivi adatti al lavaggio di tale tipologia di capi.

Se tuttavia avete già dei capi sbiaditi ecco le soluzioni per recuperarli e farli tornare ad essere del loro colore originale.

Per far tornare scuri i capi sbiaditi possiamo procedere con due differenti soluzioni; la prima prevede l’utilizzo di the nero, la seconda della normale birra.

Preparare una bacinella con 2 litri di acqua, circa 3-4 cucchiai di sale grosso, un bicchiere di aceto rosso, e mezzo bicchiere di the nero oppure mezzo bicchiere di birra.

A questo punto lasciate in ammollo i capi per circa mezz’ora, quindi procedere al lavaggio in lavatrice.

A questo punto il capo dovrebbe aver ripreso il suo colore scuro originario, in caso ripetere il processo una seconda volta.

Come Ricostruire i Mattoni Faccia a Vista

In questa guida imparerete una tecnica molto particolare per ricostruire i mattoni di una volta, di un muretto, ecc. Per realizzare la tecnica descritta non occorrono particolari doti o abilità artistiche ma basta procurarsi i materiali giusti e applicarsi con costanza. In questo modo risparmierete una grossa quantità di denaro visto che, per questa tipologia di lavoro, i muratori richiedono cifre esagerate.

Per prima cosa individuate i mattoni da ricostruire e il tipo di intervento da realizzare. Ad esempio, potrebbe essere necessario ricostruire solo un angolo del mattone o addirittura ricostruirlo per intero. Prendete alcuni vecchi mattoni e ripuliteli in superficie utilizzando una spazzola di ferro. Prendete un grosso martello e triturate il mattone a pezzetti molto piccoli. Ripassate più volte sul detrito creato.

Ora prendete il materiale risultante e passatelo in un passino a maglia non eccessivamente sottile. Tutto il ricavato può essere conservato in una bustina, in modo da poter essere utilizzato all’occorrenza. A questo punto prendete un recipiente, versatevi dentro del cemento bianco, del grassello e la polvere di mattoni e mescolate il tutto con una cazzuola. Rendete l’impasto il più omogeneo possibile.

Se il colore risulta troppo chiaro aggiungete altra polvere di mattoni. A questo punto bagnate la parte da ricostruire e cominciate ad applicare la malta ottenuta con una spatola. Rifinite il tutto conferendo alla malta la forma e la dimensione tipica dei mattoni. Bagnate leggermente con un pennello inumidito la superficie del mattone ricostruito in modo che non si formino crepe. Quando la malta sarà asciutta potrete inserire il fugante tra un mattone e l’altro.

Come Togliere la Colla dalle Mani Velocemente

Se un oggetto prezioso che teniamo in casa dovesse rompersi, i modi per ripararlo generalmente non sono molti, e l’unico più efficace e più semplice da applicare è l’utilizzo della famosa colla Attack.

Tutti abbiamo usato almeno una volta nella nostra vita la colla Attack, e tutti durante l’operazione di incollaggio abbiamo provato la spiacevole sensazione di incollarci anche le dita, infatti qualche goccia di colla finisce sempre sulle dita.

La rimozione della colla sulla pelle non è per niente semplice, tuttavia possiamo ricorrere ad alcuni metodi naturali per poterlo fare, o comunque per rimuovere la maggioranza di colla Attack dalla pelle.

Per rimuovere la colla Attack dalla pelle possiamo provare ad utilizzare l’acetone per le unghia, applicato in un batuffolo di cotone e strofinato sulla parte in cui è caduta la colla, questo dovrebbe rimuovere gran parte della colla, e quindi eliminare il problema.

Tuttavia se la colla caduta accidentalmente sulla pelle dovesse essere troppa, il rimedio con l’acetone potrebbe non essere la soluzione definitiva, in questo caso è necessaria dell’acqua calda.

Riempiamo il lavandino di acqua calda, tanto quanto basta a poter resistere con le mani dentro, immergiamo quindi le mani nell’acqua, e strofiniamo la parte di colla con le dita dell’altra mano.

L’acqua calda ammorbidisce la colla permettendone così la rimozione facilitata.

Se la colla Attack non viene via totalmente non vi preoccupate, o continuate con l’operazione di acqua calda e acetone, oppure attendete semplicemente, la rigenerazione della pelle staccherà la colla in modo automatico e indolore.

Come Organizzare le Icone sul Desktop del Computer

Il desktop del tuo computer sembra un campo di battaglia? Non vuoi sprecare ore ed ore per riordinarlo, sistemando una ad una le icone presenti su di esso? E allora usa Shock Desktop, un programma gratuito che consente di ordinare le icone del desktop con un click. Ecco come funziona.

Collegati sul sito e scarica il programma.

A scaricamento completato apri, facendo doppio click su di esso, il file appena scaricato (Setup_ShockDesktop.exe) e, nella finestra che si apre, fai click sul pulsante Next. Accetta quindi le condizioni di utilizzo del programma, facendo click sul pulsante I Agree, e clicca prima su Next e poi su Install e OK per terminare il processo di installazione ed avviare Shock Desktop.

Per ordinare le icone del desktop, fai click destro sull’icona di Shock Desktop presente nell’area di notifica (accanto all’orologio di Windows), evidenzia la voce Icona del desktop layout del menu che compare e seleziona le voci dei sotto-menu che compaiono. Utilizza quindi la voce Align per affiancare le icone ad un angolo del desktop (Left per affiancarle a sinistra, Right per affiancarle a destra, Top per affiancarle in alto e Bottom per affiancarle in basso), la voce Misc per ordinare le icone della scrivania virtuale secondo diverse forme (Around per formare una cornice di icone lungo lo schermo, Circle per ordinare le icone in un cerchio, Ellips per ordinare le icone secondo una forma ellittica, Hearth per ordinare le icone in un cuore, Star per ordinare le icone in una stella e Twister per spargere le icone a casaccio sul desktop) o la voce Polygon per ordinare le icone secondo delle forme geometriche (Triangle per una forma triangolare, Tetragon per una forma tetragonale, Pentagon per una forma pentagonale, Hexagon per una forma esagonale ed Heptagon per una forma ottagonale).