Come Giocare a Rosso Pomodoro e Giallo Zucca

Risulta essere un’esperienza manipolativa che coinvolge tutti i sensi, favorisce la comprensione della relazione tra movimento e traccia lasciata. Permette ai bambini di conoscere e manipolare il materiale, assaggiare, odorare, lasciare traccia dei propri gesti.

Il genitore organizza il gioco, predispone l’ambiente, incoraggia sostiene, verbalmente e non, le scoperte dei bambini, non esercita alcuna pressione su quei bambini che si dimostrano diffidenti. Viene utilizzato uno spazio e si manipolano impasti di verdure cotte e frullate: pomodori pelati, zucca, spinaci, rapa rossa.

Si può offrire ai bambini un impasto per volta o più impasti contemporaneamente: si possono presentare ai bambini le verdure frullate o le verdure cotte ridotte in purea, lasciando alcuni pezzetti a disposizione. Come variante del gioco si possono offrire anche diverse esperienze con marmellate galatine di frutta e con verdure e frutta.

L’attività può essere rivolta ad un gruppo di 6 o 8 bambini. Viene proposta più volte permettendo ad ognuno di sperimentare almeno una volta tutte le puree di verdura proposte singolarmente. Possibili collegamenti: dopo aver proposto i colori a dita è possibile utilizzare alcuni tipi di verdure per creare stampi: patate, fondi di insalata.

Come Fare Durare una Tenda da Campeggio

Il campeggio è una bellissima esperienza, che permette di stare a contatto con la natura e di organizzare vacanze itineranti. L’uscita sul mercato di tende sempre più semplici da montare ha reso questa operazione accessibile a tutti. Ma come evitare di ritrovarsi, l’anno successivo, con una tenda inutilizzabile?

Un accorgimento fondamentale per chi si accinge a piantare una tenda è innanzitutto quello di spianare il terreno, eliminando pietre appuntite, rami scheggiati e tutto ciò che, oltre a dare fastidio alla schiena, può rischiare di strappare la tenda. Accorgimento da tenere presente soprattutto quando si pianta la tenda ogni giorno in un posto diverso.

Quando smontate la tenda, prima di arrotolarla e rimetterla nella sacca, sbattetela un po’ in modo da fare volare via la sabbia e i rametti che vi si saranno attaccati. Sistemate la paletteria con la massima cura: anche un solo paletto che si spezza può diventare un problema serio e rendervi impossibile utilizzare la tenda finché non lo avrete sostituito.

Ricordate che la tenda si impregna dell’umidità dei boschi. Quando tornate a casa, se volete evitare di ritrovarla, l’anno successivo, piena di muffa, allargatene i teli in balcone o in terrazza, in modo che si asciughi. Se vedete che è sporca di sabbia (come è probabile che sia) spazzolatela delicatamente. Lasciatela fuori un paio di giorni, poi potrete riporla nella sacca.

Come Giocare a Risposte Confuse

Se apprezzate divertirvi con i vostri amici in modi diversi, anche organizzando molto velocemente qualche gioco semplice ma divertente in casa, non potete far altro che variare il vostro repertorio aggiungendo anche il gioco descritto nella guida seguente. Il divertimento è assicurato.

Per giocare al gioco seguente bisogna essere da sei a più persone. Uno dei giocatori dovrà uscire dalla stanza e nel frattempo gli altri sceglieranno due parole che abbiano la lettera iniziale diversa e tutte le altre uguali. Per esempio: cartello e martello; coraggio e foraggio; dono e cono; gatto e matto.

Il giocatore che nel frattempo è fuori, potrà rientrare nella stanza. Egli potrà porgere delle domande per indovinare le due parole segrete. Metà del gruppo risponderà però riferendosi alla prima parola, l’altra metà risponderà invece a proposito dell’altra parola. Se, per esempio, le parole da indovinare sono cartello e martello, alla domanda: “a te serve?”, un giocatore risponderà (riferendosi al cartello): “se non ci fosse quando viaggio non saprei mai dove sono”.

L’altro alla stessa domanda risponderà invece: “a me risulta molto utile quando in casa si stacca qualche cosa”. Se dopo dieci-quindici domande, le due parole non sono state ancora indovinate, il giocatore che in quel momento “sta sotto” dovrà pagare pegno. Il pegno sarà deciso in partenza da tutti i giocatori in gara.

Come Arredare una Mansarda

Devi assolutamente sapere, che arredare una mansarda, o meglio una casa mansardata, non è una scelta semplice e soprattutto è abbastanza costosa. Se deciderai di leggere la mia guida troverai all’interno di essa, troverai dei validi consigli per poter arredare senza troppe spese una mansarda.

Per iniziare, devi sapere che se si tratta di un open space in questo caso, il consiglio migliore è quello di dividere gli spazi con armadi. In questo modo, dovrai ottimizzare i costi e sfruttare in ogni centimetro la metratura a disposizione. Molto spesso, le mansarde risultano un po’ buie o soffocanti, in questo caso ti consiglio di usare dei colori neutri.

Gli armadi invece, li dovrai sistemare in modo per riempire il punto più basso delle pareti. Mi raccomando, ti consiglio di evitare assolutamente le antine ad apertura frontale per quelle scorrevoli. Un altro trucco per ampliare lo spazio è sfruttare le altezze. Se il punto massimo è davvero molto alto, in questo caso, potresti prevedere la costruzione di un soppalco.

Altrimenti, se l’altezza non è abitabile, ti consiglio vivamente di creare delle strutture in cartongesso facendo funzioni di ripostiglio. Per quanto riguarda il resto, la potrai arredare come una casa qualsiasi, con attenzione a sfruttare gli spazi.
Per esempio, un appendiabiti da porta come questi permette di recuperare spazio in modo molto semplice.
Mi raccomando, presta molta attenzione, al bagno e alla cucina. Provare per credere.

Come Giocare a Risiko

Se sei un appassionato di giochi da tavolo, ma soprattutto di strategia, non puoi non conoscere, anche solo per sentito nominare, Risiko. Anche se negli ultimi anni sono state messe in commercio nuove e aggiornate versioni, anche digitali, la modalità base del gioco è sempre la stessa: conquistare territori e annientare gli avversari.

Per iniziare serve uno spazio dove posizionare il tabellone, e un gruppo di amici, meglio se giochi in quattro, in modo da dividere al meglio le risorse iniziali.
Ad ognuno toccherà un certo numero di carri armati e di territori, che puoi vedere suddivisi sul libretto, in base al numero di giocatori. Ognuno dovrà portare a termine la missione segreta assegnatagli.

Comincia col posizionare i carrai armati sui tuoi territori, in modo da tenere il grosso delle tua forze sul territorio centrale per la tua strategia. Importante è che tu faccia una propria tattica di combattimento, in modo da portare a termine la missione, visto che il primo che ci riesce vince la partita. Elabora una tattica, per esempio conquista prima un intero continente per assicurarti una scorta di carri armati ad ogni nuova mano.

Dopo ogni tiro di dadi devi dichiarare quale territorio attaccare e con quante unità, dall’altra parte chi si deve difendere tirerà anche lui i dadi; se ha fatto un punteggio superiore al tuo devi sottrarre i tuoi carri armati dal territorio. Puoi attaccare se hai almeno 2 unità per territorio. Per esempio se tu attacchi con 3 unità e lui si difende con 1, tirando i dadi tu fai 4 e lui 5 tu perdi l’unità, si ripete e se fai un punteggio maggiore conquisti il territorio altrimenti togli un’altra unità e non puoi più attaccare (rimane 1 sola).

Ti sarà molto utile conquistare interi continenti e molti territori, visto che ad ogni mano ti saranno date unità bonus che potrai utilizzare per difendere le tue frontiere o maggiorare gli attacchi.
Ad ogni giro avrai delle carte, che in base alla loro combinazione potrai cambiare con unità o barattare.
Una buona tattica che puoi adottare è quello di fare l’inverso, cioè non permettere ai tuoi avversari di rinforzarsi.
Vince chi per primo porta a termine la missione segreta.