Come Preparare Brodo di Funghi

In questa guida ti spiegherò come preparare brodo di funghi e wakame. Segui la guida passo dopo passo per realizzare questa ricetta.

Occorrente
5 funghi shiitake secchi
Un pezzo di di kombu da 5 x 20 cm, pulito con un panno umido, tagliato a strisce
3 cucchiai di pezzi di wacame secco
1 cucchiaio di olio vegetale
1/2 cucchiaino di olio di sesamo
1 cipolla, tritata molto finemente
1 gambo di sedano, tritato molte finemente
1 spicchi d’aglio, schiacciato
60 ml di mirin
300 g di funghi shiitake freschi, privati dei gambi, i cappelli affettati
150 g di funghi shimeji, staccati
150 g di funghi oyster piccoli interi, o più grandi a fette
2 cucchiai di tamari
100 g di funghi enoki, mondati e staccati
1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato finemente e il suo succo
Sette spezie per servire

Mettete i funghi shiitake secchi e il kombu in una pentola capiente con 2 litri di acqua fredda. Portate a ebollizione su fuoco alto, abbassate la fiamma e lasciate sobbollire per 5 minuti, poi eliminate il kombu. Alzate la fiamma e fate bollire per altri 15 minuti, poi spegnete il fuoco e lasciate riposare per 10 minuti in modo che i funghi aromatizzino il brodo. Scolate i funghi con un mestolo forato e, quando sono abbastanza freddi da essere maneggiati, eliminate i gambi, affettate finemente i cappelli e rimetteteli nel brodo.

Mettete il wakame in una ciotola e copritelo a filo di acqua fredda. Lasciatelo in ammollo per 5 minuti, scolatelo bene e mettetelo da parte. Scaldate l’olio vegetale e quello di sesamo in una padella su fuoco medio-alto, aggiungete la cipolla e il sedano e cuoccete per 10 minuti, finchè la cipolla è leggermente dorata. Unite l’aglio e il mirin e cuocete ancora per un minuto. Aggiungete i funghi shiitake freschi e un pizzico di sale e cuocete per 3-4 minuti, finchè sono ammorbiditi.

Unite i funghi shimeji e oyster e cuocete per 2 minuti. Trasferite i funghi cotti nella pentola con il brodo e versateci il tamari. Portate a ebollizione e cuocete per 2 minuti, poi togliete la pentola dal fuoco e incorporate il wakame scolato, i funghi enoki e lo zenzero con il suo succo. Versate in ciotole individuali e cospargete con un po’ di sette-spezie, se volete.
Per un piatto più sostanzioso, aggiungete un po’ di noodles soba cotti.

Preparare Brasato al Vino Rosso

Questa ricetta, brasato al vino rosso, è un piatto importante e sostanzioso, perfetto da gustare con un cremoso purè di patate. A piacere potete far marinare la carne nel vino rosso per 12 ore, prima di cuocerla. Potrete usare poi lo stesso vino per la successiva cottura.

Occorrente
850 g di manzo (cappello del prete o fusello o fesone di spalla)
100 g di pancetta tesa tagliata a fette
600 g di patate
1/2 litra circa di ottimo vino rosso
1,5 dl di latte
2 cucchiai di trito aromatico composto da rosmarino, salvia e timo
30 g di burro
Olio extravergine d’oliva
Sale e pepe

Disponete le fette di pancetta sul tagliere, formando uno strato compatto. Spolverizzatele con una generosa macinata di pepe e spargetevi sopra il trito aromatico. Insaporite la carne con una presa di sale e adagiatela sulla pancetta; arrotolate quest’ultima intorno al manzo e legate con il filo da cucina.

Versate 4 cucchiai di olio in una casseruola preferibilmente di terracotta, adagiatevi la carne e trasferitela sul fornello. Fate rosolare a fuoco medio, poi bagnate con il vino, coprite il recipiente e fate cuocere per circa 2 ore e 30 minuti, bagnando di tanto in tanto la carne con il vino sul fondo della pentola.

Nel frattempo preparate il purè che accompagnerà il brasato. Fate lessare le patate con tutta la buccia (circa 40 minuti per patate di medie dimensioni), poi spellatele, passatele allo schiacciapatate e raccoglietele in una casseruola. Unite il burro, una bella presa di sale e, sbattendo con una frusta, versate a filo il latte tiepido, fino a che il purè si presenterà soffice e gonfio.

Trenta minuti prima del termine di cottura del brasato, levate la legatura e la pancetta, quindi rimettete la carne nel suo sugo, finendo di cuocerla. Tagliatela a fette e servitela ben calda, nappata con il suo fondo di cottura e accompagnata dal purè di patate. Guarnite il piatto con qualche rametto di rosmarino.

Come Preparare Pasta con Salmone

La ricetta ce vi voglio proporre oggi riguarda la preparazione di un primo piatto molto semplice e sfizioso: la Pasta con salmone affumicato, crema di ricotta e limone, dal sapore fresco e leggero.

Per la realizzazione di questa ricetta, ho preferito utilizzare del salmone affumicato norvegese, mentre per il formaggio mi sono procurata della ricotta vaccino fresca dal contadino vicino a casa.

Ingredienti
pasta, 200gr
salmone affumicato, 100gr
ricotta fresca, 3 cucchiai
scorza di un limone grattugiata
sale, pepe, olio

Tempo di preparazione, 20 minuti

Preparazione
Iniziamo la nostra ricetta partendo dalla pasta: mettetela a cuocere in una pentola a parte con abbondante acqua salata; non appena avrà raggiunto la cottura al dente, toglietela dal fuoco e scolatela.

Nel frattempo, procedete con la preparazione del condimento: in una ciotolina riponete la ricotta fresca sbriciolata e il salmone affumicato che avrete precedentemente diviso in tanti sfilacci di piccole dimensioni. Condite con un pizzico di sale e pepe e mettete da parte a riposare finché la pasta non sarà pronta.

Quando la pasta sarà cotta, scolatela e mettetela in una padella antiaderente con la ricotta e il salmone affumicato, quindi spadellate il tutto per un paio di minuti. Prima di servire, aggiungete la scorza di limone grattugiata ed amalgamate con gli altri ingredienti.

Come Preparare Salsa di Peperoncino

La ricetta che vi vorrei proporre oggi riguarda la realizzazione di un sughetto davvero delizioso che è perfetto da preparare prima dell’inverno e da conservare durante la stagione più fredda: si tratta della Salsa di peperoncino piccante.

Per la realizzazione di questa ricetta ho preferito utilizzare dei peperoncini rossi freschi che sarebbe meglio manipolare con dei guanti in lattice, onde evitare irritazioni alla pelle o agli occhi.

Ingredienti
peperoncini rossi freschi, 500gr
olio evo, 2 cucchiai
sale grosso

Tempo di preparazione: 15 minuti + 7 ore di riposo

Preparazione
Iniziamo la nostra ricetta partendo dai peperoncini: puliteli con un panno pulito da cucina precedentemente inumidito ed evitando di riporli sotto un getto di acqua corrente; una volta pronti, asciugateli e tagliateli a metà nel senso della lunghezza.

Prendete ora uno scolapasta e adagiatevi all’interno un panno da cucina pulito. ricoprite con uno strato di sale grosso e, successivamente con uno di peperoncini, quindi ancora sale. Proseguite a formare i diversi strati, finché i peperoncini non saranno terminati, quindi ricoprite il tutto con uno strato finale di sale grosso.

Ultimate posizionando una pentola piuttosto pesante sopra l’ultimo strato di sale: in questo modo il peso aiuterà a far fuoriuscire l’acqua dai piccoli ortaggi rossi. Posizionate lo scolapasta all’interno di una bacinella, in modo tale che l’acqua non vi sporchi la cucina. Mantenete la posizione per almeno sette ore.

Trascorso il tempo indicato, private del sale i peperoncini e riponeteli all’interno del mixer da cucina insieme ad un paio di cucchiai di olio extra vergine di oliva, finché non avrete ottenuto un composto liscio ed omogeneo.

Travasate infine il tutto all’interno di alcuni vasetti precedentemente sterilizzati. Chiudete poi i barattoli e metteteli a bollire all’interno di una pentola colma di acqua, fino a sentire il clac del tappo. A questo punto, riponete la vostra salsa ai peperoncini in un luogo fresco e asciutto per almeno tre settimane prima di gustare.

Come Preparare Polpette di Cavolfiore

Il cavolfiore solitamente non è molto apprezzato dai bambini e nemmeno da alcuni adulti, oggi però lo rendiamo davvero goloso con una ricetta veramente appetitosa, e a cui è difficile resistere.

Le crocchette di cavolfiore al forno sono infatti un’alternativa invitante da proporre in tavola, anche e soprattutto per i più piccoli. Scopriamo come fare questa ricetta gustosa in poche mosse.

Gli ingredienti per 4 persone
3 patate lesse
1 cavolfiore
2 uova
400 g di pangrattato
un mazzetto di prezzemolo
sale e pepe nero
olio extravergine di oliva
300 g di scamorza affumicata

La preparazione della ricetta
Lessate il cavolfiore a pezzi e le patate in un pentolino a parte, in alternativa fatele cuocere al vapore. Quando le verdure sono tenere, scolatele e lasciatele raffreddare. Prendete una terrina e mettetevi le verdure, con l’aiuto di una forchetta schiacciatele bene. Aggiungete ora il formaggio grattugiato e la scamorza tagliata a cubetti molto piccoli, sale e pepe. Rompete le uova e fate amalgamare il tutto. Formate delle polpette con il palmo della mano e passatele nel pangrattato.

Infornate adagiando le polpette su una teglia ricoperta di carta forno, a 180 gradi per 40 minuti.

Le polpette possono essere anche consumate nei giorni successivi e portate al lavoro per pranzo se si ha uno scaldavivande. Per dettagli su questo strumento è possibile fare riferimento a questo sito sullo scaldavivande su cui sono presenti diverse guide.