Come si Gioca a Chi C’è e Chi Non C’è

Spesso i bambini tendono a giocare sempre con gli stessi compagni, perchè considerati come grandi amici di cuore. E’ importante però soprattutto in un contesto scolastico, che i bimbi della prima infanzia giochino, comunichino e si relazionino con tutti i compagni.

Se vuoi promuovere una relazione più ampia, ricorri al gioco “chi c’è e chi non c’è” che dovrai organizzare in uno spazio ampio come un grande salone o il giardino, per dare modo ai bambini di muoversi senza impedimenti. Fa che i bambini si prendano per mano e formino un girotondo. Al centro posizioniamo a turno un compagno.

Il bambino al centro ha il compito di osservare tutti i bambini che si tengono per mano. Bendagli gli occhi con un foulard o con una mascherina e invita un compagno del girotondo a nascondersi mentre gli altri ripetono una filastrocca girando in cerchio. Chi c’è? Chi non c’è? Chi è fuggito dal giardino del re? Chi c’è? Chi non c’è? A indovinare tocca a te.

Al termine della filastrocca i bambini si fermano, quello bendato al centro, aprendo gli occhi, deve indovinare quale compagno non fa più parte del girotondo. Se indovina va a mettersi nel cerchio e il bambino che ne era stato escluso va a prendere il suo posto al centro del girotondo. Il gioco prosegue fino a quando tutti non abbiano provato entrambi i ruoli.