Come Utilizzare e Conservare le Erbe Aromatiche

Utilissime per insaporire anche il piatto più semplice ma senza aggiungere calorie, anche le erbe aromatiche hanno bisogno di piccoli accorgimenti per essere mantenute al meglio. Vediamo quali.

Esse si possono utilizzare sia fresche che secche, ma bisogna ricordarsi che quelle secche vanno conservate lontano da fonti di luce e di calore in vasetti di vetro a chiusura ermetica e utilizzate entro 6 mesi. In alternativa, è possibile utilizzare una macchina sottovuoto per alimenti per conservare le erbe aromatiche per un periodo di tempo più lunghe.

Le erbe aromatiche fresche possono essere utilizzate in quantità maggiori rispetto a quelle secche. Se le preferite fresche, scegliete sempre quelle intere: quelle già macinate e triturate possono essere state trattate chimicamente.

Le erbe aromatiche fresche vanno tritate un secondo prima di usarle per mantenere il loro aroma; se dovete usare aromi come le foglie di alloro o i chiodi di garofano (che masticati hanno un sapore terribile), il suggerimento è quello di avvolgerle in garza sterile, inserire l’impacco nella ricetta e rimuovere il tutto a fine cottura.

Se la pietanza che state preparando richiede una cottura molto lunga, per non rovinare il piatto meglio aggiungere gli aromi (secchi o freschi non ha importanza) verso la fine della cottura.

Come Creare Alberi di Carta

Volete abbellire la vostra casa con tanti alberi di carta? In questa guida vi spiegherò come realizzarli economicamente con una semplice rivista, invece di buttarla via. Il procedimento è molto semplice perciò potrete farlo realizzare anche ai vostri bambini.

Se volete riempire la vostra casa di alberi di carta creati da voi da posizionare qua e là, vi insegno un metodo molto facile e sicuramente economico per realizzarli. Prendete una rivista che avete già letto o che avevate intenzione di buttare via e una pinzatrice e procedete nel seguente modo.

Prendete la copertina della rivista nell’angolo in alto a destra e piegate il foglio fino a farlo combaciare con il bordo della rilegatura. La piega di risulta sarà disposta in diagonale. Prendi ora la stessa pagina nell’angolo in basso a destra e piega nuovamente il foglio fino a far combaciare il limite dello stesso con il bordo della rilegatura.

In questo modo, il foglio dovrà apparirvi come un trapezio rettangolo avente come base il bordo della rilegatura. Procedi utilizzando lo stesso procedimento per tutte le pagine della rivista. Una volta terminate, unisci la prima pagine e l’ultima con la pinzatrice su più punti in maniera tale che la rilegatura costituisca il tronco dell’albero.

Come Decorare un Cestino in Stile Fiammingo

Tra tutti i lavori da fare in casa, quello del decoupage è sicuramente il lavoro che appassiona e che unisce molte donne. In questa guida, ti spiegherò tutte le operazione che dovrai fare per poter decorare in pochissimo tempo, un cestino in stile fiammingo in modo tale da personalizzare con gusto un angolo particolare delle tua casa.

Occorrente
Gettacarte di masonite
Carta stampata con fiori e frutta in stile fiammingo
Colla vinilica
Colore a olio terra d’ombra
Colori acrilici (bianco e color mattone)
Carta vetrata

Per realizzare questo bellissimo lavoro di decoupage, la prima cosa che dovrai fare, è quella di prendere il pennello piatto medio, e con esso dovrai iniziare a stendere il colore acrilico rosato. Per ottenere questo lavoro, dovrai mischiare il bianco e il color mattone. Mi raccomando, dovrai passare due volte questo colore su tutta la superficie facendo delle pennellate continue e non fermandoti a metà lato. Ti ricordo, che dovrai far passare 60 minuti tra una mano e l’altra ma anche alla fine della seconda e ultima.

Nel frattempo che il colore si asciuga, dovrai ritagliare i soggetti floreali e di frutta, cercando di essere molto preciso soprattutto se lo sfondo della carta stampata è scuro. Dopo aver fatto questo, dovrai stendere la colla vinilica sul retro dei ritagli e successivamente li dovrai applicare uno ad uno sulla superficie, tamponando con un panno-carta umido in modo da migliorarne l’aderenza. Dopo un’ora, dovrai stendere una mano di vernice all’acqua e dopo 4 ore la vernice invecchiante.

Dopo altri 60 minuti, dovrai passare sulla superficie della vernice screpolante, che poi dovrai lasciar asciugare 20 minuti, finché compariranno delle crepe. Dopo un’oretta circa, con un pennello imbevuto nell’acquaragia e sporcato con colore a olio, dovrai fare dei movimenti rotatori (così facendo evidenzierai le crepe). Dopo 10 ore, dovrai stendere tre mani di vernice in gel, facendo passare 8 ore tra una mano e l’altra. Per finire il lavoro, dovrai passare sulla superficie della carta vetrata molto fine, eliminando molto bene il pulviscolo che si creerà.

Come Realizzare una Nuvola in una Bottiglia

Le nuvole hanno bisogno di tre ingredienti chiave per formarsi ovvero particelle di polvere, acqua e cambiamenti di pressione. Combinando questi elementi un una bottiglia di plastica è possibile creare una varietà di formazioni nuvolose. Variando la quantità di acqua o di pressione si possono creare diversi tipi di nuvole.

Prendete una bottiglia vuota e risciacquatela con dell’acqua tiepida. Non utilizzate sapone perché può interferire con la formazione delle nuvole. Versate poi due misurini colmi di acqua nella bottiglia e rimettete il tappo. Agitate bene il flacone in modo che si formino delle gocce sui lati della bottiglia.

Versare l’acqua in eccesso ed accendete un fiammifero. Stando attenti a non scottarvi infilatelo nella bottiglia e agitate il flacone. Come agiterete la bottiglia si creerà del fumo che darà vita alle particelle di polvere necessarie per creare la vostra nuvola. Assicuratevi di chiudere bene la bottiglia prima di cominciare ad agitare.

Una volta che la bottiglia è sigillata stringete e rilasciate la plastica per creare una fluttuazione nella pressione dell’aria all’interno della bottiglia. Cercate di premere il centro della bottiglia in modo da creare delle variazioni di pressione. Questo provocherà un leggero cambiamento di temperatura che farà evaporare l’acqua che si trasformerà in una nuvola.

Come Creare una Cromatografia su Carta con l’Inchiostro

La cromatografia su carta è una delle tecniche di separazione di miscugli e consiste nel separare i vari componenti di un liquido. Attraverso questa guida, verrai a conoscenza delle varie sostanze che compongono, nel nostro caso, l’inchiostro (tempo di creazione: 1 giorno e mezzo, 2 giorni).

Occorrente
Alcool etilico
Un foglio di Scottex
Un piccolo contenitore di plastica, tanto grande da far contenere il foglio di scottex
Inchiostro

Come detto nell’introduzione la cromatografia è un metodo di separazione di miscugli, utilizzato soprattutto in chimica. Innanzi tutto, prendi un piccolo contenitore di plastica (abbastanza grande da contenere il foglio di scottex), e versaci dentro tanto alcool quanto basta a farlo arrivare a circa 2 centimetri dal fondo.

Dopo di che, prendi l’inchiostro, il quale, te lo potrai procurare sia da penne quasi scariche, o, anche, se vuoi, comprarlo nelle cartolerie, e versa all’interno del contenitore di plastica circa 4/5 gocce di inchiostro, facendo in modo che questo si mescoli con l’alcool etilico gettato precedentemente.

Successivamente, munisciti di foglio di scottex, appoggia il foglio in modo verticale sul contenitore, ed appoggiandolo su una delle quattro pareti del contenitore di plastica. Lo dovrai lasciare così per circa un giorno e mezzo, due giorni, ovvero il tempo che i composti del miscuglio (inchiostro) salino attraverso i capillari del foglio di scottex. Appena trascorsi questo periodo, leva il foglio dal recipiente, lascialo asciugare, e lava il contenitore, buttando l’alcool.