Come Realizzare un Armadio in Muratura in Casa

Vi e’ mai capitato di non avere mai sufficiente posto negli armadi dove riporre la biancheria o gli abiti, perche’ fate acquisti di ogni genere e non sapete dove metterli? Io questo problema l’ ho avuto, e l’ ho risolto con poca spesa e un po’ di fantasia. Vi spiego come.

Occorrente
Per la muratura:
Mattoni forati
Cemento
Sabbia
Acqua
Pittura bianca lavabile
Bastone in alluminio
Per le ante:
Stoffa per tende
Bastone allungabile per tenda da doccia

Iniziamo con il dire che se siete del mestiere, vi verra’ piu’ semplice tirare su la muratura per il vostro armadio, senza contare che vi verra’ a costare molto meno, solo il prezzo del materiale. In caso contrario, chiedete a qualcuno che se ne intende e che vi possa aiutare nell’impresa. Scegliete uno spazio in casa, una parete vuota e inutilizzata, l’ideale sarebbe posto in una mansarda, essendo rustica rimane a tono con il resto dell’ambiente. Con poco lavoro e poca spesa, vi ritroverete un armadio, bello e soprattutto utile. Dopo esservi procurati il materiale necessario, mettetevi all’opera.

Tirate su due muretti laterali esterni, fin sopra al soffitto, con i mattoni forati ed il cemento. Dopo fate la base da terra alta circa 20 cm.. Le misure dell’ armadio le decidete voi in base allo spazio che avete a disposizione. Fatto questo procedete con l’ intonaco, che si prepara mischiando cemento bianco con sabbia ed acqua, deve risultare non eccessivamente denso, (chi e’ del mestiere sa cosa fare), o diversamente lo trovate gia’ pronto all’ uso. Fate asciugare per tutta una notte. il giorno successivo potete posare il vostro bastone in alluminio, con l’ aiuto di un trapano fate due buchi laterali in cima al vostro armadio, o dove meglio fa al caso vostro, e fissate bene il bastone con del cemento. Servira’ per riporre gli abiti.

A questo punto potete procedere con l’ imbiancatura, l’ ideale sarebbe colorare di bianco l’ interno, e di un colore diverso l’esterno, la scelta del colore dipendera’ da voi, potete sbizzarrirvi come meglio credete. Fatto questo, con la stoffa che avrete scelto tagliate e cucite una tenda della misura del vostro armadio, potete farla piu’ o meno arricciata, che risultera’ anche piu’ bella vedere. Cucite alcuni passanti per il bastone, per tutta la lunghezza della tenda. Infilate i passanti nel bastone. Il bastone dovra’ essere di quelli che si usano per la doccia, che sono allungabili, si fissano da parete a parete, e si possono togliere quando si vuole, con pochissimo sforzo.

Come Realizzare un’Acrobata Giocattolo

Essendo il legno un materiale facilmente lavorabile, facilmente reperibile e, nello stesso tempo, economico, esso è stato utilizzato fin dall’antichità per costruire giocattoli, molti dei quali resi mobili con l’impiego di opportune cordicelle. Tra questi troviamo quello che ti propongo: un acrobata.

Occorrente
Foglio di carta
Matita
Tavoletta di compensato di piccolo spessore
Listelli di legno
Seghetto
Martello
Trapano
Morsetto da tavolo
Tronchesina
Pinza a punta fina
Forbici
Chiodi
Fil di ferro
Spago
Colori a tempera
Pennelli
Carta vetrata
Vernice turapori
Pennarello
Approfondimento

Disegna su un foglio di carta i contorni delle parti che compongono la figura dell’acrobata: corpo, braccia e gambe. Ritaglia con le forbici il disegno. Riporta i modelli di carta così ottenuti sulla tavoletta di compensato, tracciandone i contorni con la penna a sfera. Tenendo ferma la tavoletta con il morsetto, ritaglia con il seghetto i pezzi, seguendo i contorni disegnati.

Applica uno strato abbondante di vernice turapori sui cinque pezzi di legno che compongono il pupazzo. Quando la vernice si è asciugata, scartavetra ciascun pezzo per renderne la superficie perfettamente liscia. Disegna adesso con la matita su ciascun pezzo le varie zone che avranno colori diversi. Con il trapano tenuto perfettamente verticale, fai un foro al centro del busto della figura.

Sovrapponi i pezzi corrispondenti alle braccia, e fai due fori, uno nella parte superiore e uno nella parte inferiore di essi. Inizia ora a colorare le varie zone del corpo, cominciando da quelle più ampie. Disegna con il pennarello gli occhi e il naso, per dare una fisionomia al volto. Colora le gambe, terminando così questa parte del lavoro. Taglia due pezzi di fil di ferro di circa 2 cm.

Con la pinza a punta fina ripiega una delle estremità di ciascun pezzo di fil di ferro formando dei piccoli anelli. Ripiega poi la parte dell’anello in modo tale che essa costituisca un angolo retto rispetto al resto del fil di ferro. Introducendo l’altra estremità del pezzo di fil di ferro nei fori, per unire braccia busto e gambe, fai un altro piccolo anello per tenere ben stretti i pezzi.

Sovrapponi due listelli di legno e ad una estremità fai con il trapano due fori ad una distanza di 1 cm l’uno dall’altro. Inchioda a 5 cm dalle altre estremità dei listelli una piccola traversa di legno che li tenga uniti. Monta ora il corpo dell’acrobata, facendo passare un pezzo di spago attraverso i fori fatti nei listelli e nelle braccia. Le due estremità dello spago si dovranno incrociare nella parte interna delle braccia. Facendo pressione sull’estremità inferiore dei listelli di legno, l’acrobata farà piroette.

Come Fare Legna in un Bosco Velocemente

Vi è mai capitato di andare in un area pic-nic, in campeggio… e di aver necessità di accendere un fuoco? La prima cosa fondamentale da fare sarà stato procurarsi la legna… Questa deve essere molta e sarebbe bello poterla raccogliere senza dover andare mille volte avanti ed indietro, vediamo come fare…

Il posto migliore dove far legna è ovviamente quello dove c’è una concentrazione di molti alberi, quindi una pineta, un querceto, un bosco in generale… ci sono due tipi di legna che vanno procurati: la legna più sottile, insieme alle foglie secche ed alle pigne, che serve per accendere inizialmente il fuoco; la legna più spessa e in quantità maggiore per mantenere il fuoco tutto il tempo che serve. Ovviamente in una situazione di questo tipo non si ha a disposizione uno strumento come uno spaccalegna elettrico, quindi è inutile puntare su pezzi di legna enormi che non si possono rompere facilmente.

Indossa sempre i guanti da lavoro perchè ti eviteranno fastidiose schegge e tagli e ti faranno lavorare più velocemente.
Ricordati poi di smuovere sempre un po’ il terreno con i piedi prima di raccogliere qualsiasi cosa da terra perchè così eviterai di avere spiacevoli incontri con serpenti o animali di vario genere.

Detto questo per raccogliere la legna più grande disponi a terra la corda (dovi piegarla a metà per lungo in modo che gli estremi aperti stiano verso di te; questo per ottenere poi un nodo a bocca di lupo su tutta la legna) e poggiaci sopra la legna più consistente: veri e propri rami di albero anche abbastanza grandi, i tronchi più spessi e via dicendo…nella cesta metti invece foglie secche, pigne, rametti più sottili. Quando sei soddisfatto richiudi la corda per ottenere questo nodo su tutta la legna.Avrai svolto un lavoro efficente e più veloce di chiunque altro

Come Fare Diventare Opaco un Vetro Trasparente

Possedete un normale vetro trasparente e vorreste dargli un tocco in più rendendolo opaco? Bene, se la vostra risposta è si, leggete la guida qui di seguito e avrete un vetro satinato che potrete utilizzare per quello che preferite. Buona guida a tutti!

Iniziate recandovi in farmacia, dove chiederete al farmacista di turno del sale amaro. Passate poi a comprare una bottiglia di birra in un supermercato o in un qualsiasi negozio di prodotti alimentari. Tornati a casa, dovete iniziare il procedimento ponendo il vetro al quale volete cambiare aspetto in posizione orizzontale.

Dopo procuratevi un pennello a punta piatta che acquisterete, a seconda dell’ampiezza della superficie del vetro da spennellare, o in ferramenta oppure in un negozio di belle arti se volete un pennello di alta qualità, altrimenti va bene un qualsiasi negozio di articoli per la casa o anche una cartoleria.

A questo punto, preparate un composto formato dal sale amaro e dalla birra; mescolate il tutto molto accuratamente finchè non arriva ad avere una consistenza nè troppo densa nè troppo liquida. Fatto ciò, prendete il pennello, imbevetelo della mistura precedentemente preparata e passatelo sul vetro una sola volta senza far ritocchi. Attendete che asciughi e avrete ottenuto un vetro opaco.

Come Scegliere un Tornio

Per la scelta del tornio è importante sia la struttura che il motore

Struttura della macchina.
La scelta è sempre difficile e ci sono parecchi parametri però l’unico che il tornitore non potrà mai compensare è la mancanza di rigidità della macchina. L’assieme blocco motore, contro punta, porta utensili, appoggio deve essere il più rigido possibile.
Pertanto una struttura tutta in ghisa, (assolutamente abolire i torni con barre cilindriche) è un vantaggio certo. In fine, il peso del tornio è anche una buona indicazione perché contribuisce alla stabilità dell’insieme.

Distanza tra punte
Spesso si fa pubblicità sulla distanza tra la punta trascinatrice e la punta mobile. Per la tornitura di ebanisteria una distanza di 1 metro è indispensabile per realizzare piedi di tavolo o montanti di scala. Per la tornitura artistica, una distanza da 600 a 800 mm bastano nella maggioranza dei casi. In questo caso si parla di tornio per ceramica, un dispositivo ovviamente diverso dal tornio industriale.

Potenza del motore
Il tornio non necessita di tanta potenza. Mezzo cavalo permetterà di tornire pezzi fino a 25 cm di diametro. Tuttavia bisogna tener conto del diametro che si desidererà tornire in quanto più il diametro aumenta più la potenza richiesta è grande.
Risulta essere un’importante caratteristica nella scelta di un tornio. In generale maggior è il diametro minore deve essere la velocità. Tenete conto che la velocità che conta non è quella del tornio ma quella il pezzo da tornire. Una velocità perimetrale di circa 14 – 16 m al secondo è sufficiente per sgrossare, dopo si passa a 18 – 20 m al secondo, per un diametro di 30 cm, velocità del tornio di 1500 giri al minuto si ottiene una velocità perimetrale di 23,55 metri al secondo
Ecco la formula
che indica a quale velocità deve girare il tornio è:
per sgrossare (14 a 16 m/s):
per tornire (18 – 20 m/s):
Pertanto un tornio che offre una vasta gamma di velocità, avendo la minima molto bassa, è da considerarsi un vantaggio.

Cambiare velocità
Come si deduce di quanto scritto sopra bisogna cambiare spesso di velocità, pertanto il dispositivo permettendo tale cambiamento deve essere il più semplice e rapido possibile. Tutti I tornitori si stancano rapidamente di un sistema che richiede l’apertura dell’accesso alla cinghia del motore, il cambiamento delle pulegge utilizzate, il bloccaggio del supporto motore e del suo coperchio. Oggi tanti fornitori offrono sistemi elettronici con convertitore di frequenze (detto anche variatore), che
permettono di variare la velocità girando un pulsante. Tale sistema, malgrado il suo costo, offre vantaggi considerevole permettendo un aggiustamento preciso della velocità al minima senza perdere potenza.