Come Generare Numeri a Caso

Giochi alla Tombola? Oppure hai organizzato un concorso a premi e devi estrarre a sorte un giocatore? In tutti questi casi necessiti sicuramente di Random.org, un servizio online gratuito e senza registrazione che estrae un numero a caso.

Nel caso che tu debba estrarre a sorte un vincitore, la prima cosa da fare è quella di creare una tabella a 2 colonne. Inserisci nella prima colonna i numeri progressivi a partire dall’1 in poi. Inserisci quindi i nominativi nella seconda colonna. Ogni riga sarà quindi composta da un numero associato ad un nome. Se invece devi giocare allora salta il passo 1.

Clicca sul link di Random.org e inserisci il valore minimo dell’intervallo nella casella Min. Poi inserisci il valore massimo dell’intervallo nella casella Max. Cliccando su Generate il servizio estrarrà un numero a sorte compreso nell’intervallo che hai indicato e te lo mostrerà nella casella Result.

Controlla nella tabella a chi corrisponde il numero estratto: sarà il vincitore. Se invece devi giocare puoi utilizzare direttamente il numero estratto e ripetere i passi 2 e 3 per ogni numero che intendi scegliere. Random.org non conosce l’utilizzo che farai del numero generato, per cui questo metodo è imparziale.

Come Garantire Energia Elettrica con Gruppo di Continuità

A chi non è capitato che una mancanza improvvisa di energia elettrica, abbia fatto spegnere improvvisamente il proprio computer, facendo perdere tutto il lavoro che non solo si stava facendo, ma probabilmente anche tutte le pagine web reperite in rete che ci adoperavamo a leggere. La presenza di un gruppo di continuità, si rende infatti necessaria, soprattutto negli uffici, in presenza di una quantità di computer utilizzati per il disbrigo di pratiche, le cui informazioni se perse, fanno perdere tempo e lavoro.

Questo tipo di apparecchiatura, è infatti in grado, di garantire energia elettrica ai vostri computer, ancora per qualche ora, e garantirvi così non solo di poter continuare il vostro lavoro indisturbati, soprattutto se urgente, inoltre garantisce l’importantissima possibilità, di salvare tutti i dati su cui state lavorando, per consentirvi così di non perderli, e successivamente di poter effettuare la normale chiusura del computer. Il gruppo di continuità, e’sempre sotto corrente 24 ore su 24, possiede al suo interno una batteria che si ricarica, proprio per consentire poi, la continuità di energia elettrica in presenza di un black out improvviso.

Risulta essere opportuno ovviamente, a rigore di logica, collegare a tale dispositivo anche il monitor del vostro computer, e l’eventuale modem o router, che vi consentirà di poter anche navigare in internet nelle ore in cui sarete in assenza di energia elettrica. Il tempo di autonomia, cambia a seconda della capacità della batteria, ovviamente in commercio sono presenti gruppi di continuità con diverse caratteristiche e quindi autonomia. Di solito il carico varia dai 150 watt ai 200. Inoltre il gruppo di continuità presenta altri vantaggi, quali ad esempio la gestione delle sovratensioni.

Molti sottovalutano infatti i problemi che possono essere causati da uno sbalzo di energia elettrica, non attribuendo a questo fenomeno, numerosi guasti. Uno sbalzo significativo di energia, può determinare la rottura di alcuni elementi presenti nel vostro computer e addirittura il danneggiamento di scheda madre, modem interno ecc. Il gruppo di continuità, vi garantirà un normale andamento dell’energia elettrica, scongiurando tale inconveniente. Un gruppo di continuità, può anche essere collegato ad un computer tramite accesso usb.

Come Generare l’Elenco dei File in una Cartella

Ecco una guida semplicissima per chiunque abbia bisogno di generare l’elenco dei file in una cartella di Windows senza avere bisogno di software aggiuntivo. Vi assicuro che non avrete problemi a seguire i pochi e semplici passi della guida: provare per credere.

Aprite notepad (o un qualsiasi editor di testo) e create un nuovo file. Scrivete il seguente testo all’interno del file:
dir /a /b /-p /o:gen>C:\<percorso>\<nomefile>.txt
start notepad C:\ <percorso>\<nomefile>.txt
dove al posto di <percorso> inserirete il percorso nel quale il file contenente la lista dei file nella cartella volete che si trovi (ad esempio Windows\temp) e al posto di <nomefile> inserirete il nome del suddetto file (ad esempio miofile).

Salvate il file creato nell’editor di testo con la stringa al passo 1 con il nome “GeneratoreLista.bat”. A questo punto per generare la lista di file in una qualsiasi cartella basta che copiate questo file nella cartella stessa e facciate doppio clic su di esso. Il vostro generatore vi aprirà automaticamente un editor di testo con la lista dei file voluta.

3Se volete utilizzare la lista in un momento successivo o se distrattamente chiudete l’editor di testo con la lista appena generata, potete trovare il file con la lista al percorso che avete specificato precedentemente. Se durante la generazione vi viene riportato un errore tornate al passo 1 e fate attenzione che il <percorso> esista davvero sul vostro Pc.

Come Fare Adesivi con Photoshop

Vuoi fare un adesivo con photoshop simile a quelli che vedi in giro? Bene, è molto semplice, armati di tanta pazienza e inizia a leggere questa guida. Questa guida è provvista di video-tutorial, con molta pazienza, potrete modificare, il vostro adesivo, per renderlo unico.

1 Apri un nuovo file (File – Nuovo) con dimensioni a piacere.
Con lo Strumento Elisse, traccia un cerchio con un colore a piacere.
Rasterizza il cerchio.
Crea un nuovo livello e con lo strumento Selezione, forma un ovale e riempilo con il colore bianco, setta su Luce Soffusa e cambia l’opacità a piacere.

Posizionati sull’icona del livello del cerchio e con il tasto destro, clicca su Seleziona Pixel, poi su Selezione – Inversa, posizionati sul livello con l’ovale bianco e cancella la selezione inversa al cerchio.
Crea un livello tra il cerchio e l’ovale bianco, può essere una scritta, una forma, un’immagine.

Sovrapponi una sfumatura nera-bianca e setta su luce soffusa.
Fai la stessa cosa con il cerchio.
Poi traccia la forma, con il gradiente bianco-nero setta su luce soffusa e abbassa l’opacità.
Fai una traccia interna al cerchio con un colore simile ad esso, meglio se più scuro.
Bene, avete finito il vostro adesivo.

Come Utilizzare il Grafico a Bolle in Excel

Il Grafico a Bolle in Excel viene utilizzato soprattutto nell’ambito finanziario e azionario ma è anche un valido strumento di analisi statistiche e di redditività perché permette di confrontare contemporaneamente tre variabili, a differenza degli altri grafici che ne utilizzano solo due. Con questa guida si vuole dimostrare l’utilità di questo grafico in alcune analisi economiche, spiegando i corretti procedimenti per realizzarlo.

Immagina per prima cosa di avere una tabella in cui nella parte sinistra c’è il nominativo agente di vendita, nelle parte centrale e destra ci sono rispettivamente il numero di vendite dell’agente, il margine netto della vendita e il numero di pacchetti aggiuntivi venduti fuori contratto. Per estrapolare queste 3 informazioni e classificare l’operato degli agenti devi selezionare l’intera tabella posizionarti su “Inserisci grafico” e seleziona “Grafico a Bolle 3D” (dipende dalla versione excel, potrebbe anche esserci solo in 2D).

Quindi con la funzione “Seleziona dati” devi associare le variabili tra loro in modo che al “Nome della Serie” corrisponda il nome dell’agente; al “valore X” corrisponda il numero delle vendite; al “Valore Y” il totale Margine netto in euro e infine alla “Dimensione della Bolla” corrisponda il numero dei pacchetti aggiuntivi venduti fuori dal contratto. Purtroppo questa è l’operazione che ti porterà via più tempo perchè la selezione delle variabili non è automatica e quindi la devi fare manualmente per ogni venditore (quindi per ogni “Nome della Serie”).

Successivamente scegli quale è la forma di Layout che preferisci e che si adatta meglio all’analisi statistica. Puoi scegliere dove mettere la legenda anche se solitamente si mette a destra del grafico, puoi scegliere il colore di sfondo e la colorazione delle bolle, ognuna di colore diverso oppure una colorazione unica ma a gradazioni diverse. Sul grafico leggerai il numero delle vendite sull’asse X, il Margine Netto sull’asse Y.

Per completare le informazioni presenti sul grafico ti consiglio di aggiungere il Nome della Serie e la dimensione della bolla. Per fare questo devi posizionarti all’interno del grafico dove è collocato l’asse cartesiano cliccare con il tasto destro del mouse su “Opzioni Grafico ” – “Etichetta Dati” e mettere una spunta sulle due variabili indicate. A questo punto la chiave di lettura del grafico è davvero immediata le migliori performances si associano a bolle grandi che si collocano della parte destra ed alta del grafico cartesiano.