Come Tagliare Mattoni e Piastrelle

Quando si effettua un rivestimento in mattoncini o in piastrelle alcune volte occorrono dei pezzi piccoli per completare l’opera; onde evitare di ottenere questi piccoli pezzi tagliando un mattoncino intero è possibile tagliarlo con i pezzi piu grandi ottenuti dai tagli precedenti.

Prendi le misure del pezzo da tagliare e riportale su un pezzo piu grande ottenuto dai residui della lavorazione. Traccia esattamente come deve avvenire il taglio. Prendi una tavoletta di legno e fissa saldamente il pezzo da tagliare con i chiodi messi su tutto il perimetro esterno. Fai attenzione che i chiodi non vengano fissati in corrispondenza della linea del taglio.

Controlla che il pezzo da tagliare si stato fermato bene dai chiodi. Fissa la tavoletta su un tavolo da lavoro (come nella foto) oppure con dei morsetti ad una base solida. Inizia il taglio, tenendo conto dello spessore del disco, iniziando da una delle estremita’ e procedi fino al taglio completo del pezzo senza esercitare una forte pressione.

Per il taglio delle piastrelle la pressione deve essere minima in quanto si rompono facilmente, vanificando l’opera, pertanto devi far scorrere lentamente il disco sulla piastrella cercando di evitare spostamenti laterali del disco.

Come Togliere un Albero nel Modo Giusto

Ci sono regolamentazioni precise della forestale che legislano il taglio degli alberi perchè non si può andare in un bosco e tagliare indiscriminatamente gli alberi!

Per prima cosa, come ti dicevo, occorre conoscere le norme vigenti che regolano il taglio degli alberi per fare legna da ardere.
Ogni regione, provincia, comune credo che abbia regole diverse e quindi, informati bene per non rischiare di incorrere in multe ma soprattutto per salvaguardare il nostro patrimonio boschivo.

Fatto questo devi procurarti una buona motosega.

In commercio ne esistono tantissime.
Fatti consigliare nel negozio dove l’acquisti.
Ce ne sono di piccine se devi abbattere un albero piccolo, e ce ne sono di quelle molto grosse,con una lama molto lunga.
Quest’ultime sono necessarie quando si devono abbattere diversi alberi con dimensioni piuttosto grandi.
Non è di certo facile abbattere un albero ma credo che la cosa più difficile sia il riuscire a far cadere l’ albero dalla parte giusta.

Questa è una cosa importantissima per due motivi principali.
Innanzitutto per la propria sicurezza.
Se non sai dove l’albero cadrà può essere molto pericoloso.
Inoltre, indirizzando la caduta dell’albero non andiamo a rovinare altre piante.
Per prima cosa devi quindi decidere da che parte farlo cadere.

Fatto questo devi ora fare una prima tacca con la motosega dalla parte in cui dovrà cadere l’albero.
La tacca non deve raggiungere il centro dell’ albero.
Ora puoi partire a tagliare dalla parte opposta.
Procedendo con la dovuta cautela, incidi l’albero con la motosega.
Taglia il tronco e vedrai che appena ti avvicinerai alla tacca fatta in precedenza, l’albero si spaccherà e cadrà dalla parte che avevi scelto precedentemente.

Come Tappezzare il Soffitto

Tappezzare un soffitto non è difficile come si potrebbe sembrare, anche perchè, rispetto alle pareti, la superficie presenta meno ostacoli da affrontare: è sufficiente abituarsi a lavorare in una posizione particolare. Applicate al soffitto una mano di turapori se non è stato tinteggiato.

Attrezzatura necessaria:
Piattaforma di lavoro
Rotolo confezionato di carta da parati (se necessario)
Forbici piccole (se necessario)
Materiali:
Carta da parati
Colla (in polvere o già pronta)
Filo gessato
Metro a nastro

Risulta essere più semplice attaccare la carta sul soffitto nel senso della larghezza della stanza che in quello della lunghezza. Servendovi di una matita e un metro a nastro o di un filo gessato, tracciate una linea guida attraverso il soffitto, a una distanza dalla parete di poco inferiore alla larghezza del rotolo.

Incollate la carta, piegatela a fisarmonica e portate presso il punto di partenza. Sostenete le pieghe (o fatevi aiutare da qualcuno) mentre sistemate l’estremità del telo tra la parete e il soffitto, allineandola con la linea guida. Spingete la carta nell’angolo, usando la spazzola da tappezziere.
Attaccate il resto del telo lisciandolo con la spazzola.

Poi staccate e rifilate le due estremità e il bordo lungo (con la stessa tecnica usata per le pareti) e premete con la spazzola sui bordi per sistemarli. Pulite la colla in eccesso mentre è fresca, usando un panno umido. Attaccate le strisce successive allo stesso modo, facendole combaciare e combinando con cura i disegni o motivi in rilievo. Passate sopra le giunture un rullino per farle aderire bene al soffitto (ma non usate l’attrezzo sulla carta goffrata).

Presso, un punto luce, dopo aver staccato la corrente, bucate la carta con la punta delle forbici e praticate tagli a raggiera verso il bordo dell’elemento (è più facile se usate forbici piccole). Fissate le linguette intorno all’elemento e tagliatele a livello della superficie. Pulite i residui di colla con un panno umido.

Presso una sporgenza, lasciate pendere la carta lungo la parete e tagliatela a livello del soffitto. Eliminate l’eccedenza, poi lisciate con la spazzola e rifilate la carta negli angoli. Per concludere, rifilate il telo finale in larghezza, ma aggiungete 50 mm extra alla larghezza per la rifilatura in corrispondenza della parete.